Le opere architettoniche di Guglielmo Calderini


Calderini, Guglielmo



Scheda bibliografica e localizzazioni delle copie cartacee

Note e approfondimenti

Con prefazione e ampia biografia a cura di Milani, l'indice riporta le principali opere documentate di Calderini: il Palazzo di Giustizia, costruito dal 1888; il quadriportico di San Paolo a Roma; la Basilica di San Paolo andata distrutta nell'incendio del 1823; Palazzo Cesaroni a Perugia; vari Concorsi: Montecitorio, Biblioteca di Firenze, facciata di San Lorenzo a Firenze, Palazzo della Pace a L'Aia, ecc.
Calderini studiò a Roma e a Torino diventando ingegnere e architetto (tav. 7, 20, 21, 42, 62, 65, 85).
Alla sua città  natale legò Palazzo Bianchi e Palazzo Cesaroni, attuale sede del Consiglio Regionale dell'Umbria, oltre all'imponente palazzo che porta il suo nome e costruito sul sito della demolita Rocca Paolina.



Crediti

La scansione è tratta dagli esemplari conservati presso la Biblioteca del Dipartimento di Architettura e Pianificazione Territoriale, Università di Bologna. E' vietato riprodurre o duplicare le immagini consultabili nel sito senza l'autorizzazione scritta della Biblioteca proprietaria.
Il progetto è stato realizzato presso il laboratorio SILAB del Dipartimento di Architettura e Pianificazione Territoriale in collaborazione con la Biblioteca del dipartimento e il CIB.