La gloria del cauallo. Opera dell'illustre S. Pasqual Caracciolo diuisa in dieci libri: ... Con due tauole copiosissime, l'vna delle cose notabili, l'altra delle cose medicinali


Caracciolo, Pasquale



Scheda bibliografica e localizzazioni delle copie cartacee

Note e approfondimenti

Pasquale Caracciolo, nato a Napoli, apparteneva ad una nobile e conosciuta famiglia napoletana. Visse durante il regno di Filippo II di Spagna, uno dei suoi quattro fratelli divenne duca di Martina Franca. Acquistò fama di erudito con la sua opera "La gloria del cavallo libri X" (Venezia, 1566, in 8°, di cui ci furono altre 4 edizioni, nel 1567, 1585, 1589 e 1608): si tratta di una ponderosa raccolta (quasi 1000 pagine, in 4°, nella prima ediz.), che guadagnò ai suoi tempi grandissime lodi, per esempio da parte del Pier Andrea. Arrivando a tempi più recenti, l'Ercolani, invece, sostiene che l'opera del Caracciolo non aggiunge niente di nuovo rispetto a quanto già detto dagli ippiatri greci e romani, mentre secondo il Chiodi si tratta di una vera enciclopedia, con un'enorme quantità di notizie spazianti dalla mitologia, alla cavalleria, alla storia, all'allevamento, i cavalli celebri dell'antichità, aspetti positivi e negativi dell'allevamento dei cavalli, mantelli e razze, addestramento e infine malattie e loro cura... Chiodi la considera un'opera eccellente, di gradevole lettura ancora oggi. Si può altresì aggiungere che, come la maggior parte delle opere veneziane di quel tempo, è stampata con un elegante carattere italico. Sappiamo poco di Pasquale Caracciolo, se non che fu contemporaneo di Federico Grisone, e che fu uno dei quattro rappresentanti importanti della scuola italiana (insieme a Claudio Corte, di Pavia, e a Fiaschi, oltre che appunto a Grisone), che ci han lasciato opere letterarie e ci han reso testimonianza del loro sapere. Alcuni storici sostengono che, probabilmente, fu Caracciolo ad ispirare a Montaigne il suo capitolo dedicato ai destrieri.



Crediti

La scansione è tratta dagli esemplari conservati presso la Biblioteca Centralizzata di Medicina Veterinaria "G.B. Ercolani" della Facoltà di Medicina Veterinaria dell'Università di Bologna.
Il progetto scientifico è stato realizzato dalla Prof.ssa Alba Veggetti Direttrice della Biblioteca Centralizzata di Medicina Veterinaria "G.B. Ercolani".
E' vietato riprodurre o duplicare le immagini consultabili nel sito senza l'autorizzazione scritta della Biblioteca proprietaria.
La digitalizzazione dell'opera è stata realizzata dal CIB - Centro Interbibliotecario dell'Università di Bologna.